Sabato 02 settembre 2017 – SENTIERO ATTREZZATO LEVA (Gruppo Jôf di Montasio – Alpi Giulie)

C.A.I. sezione di Pontebba

Sabato 02 settembre 2017 – SENTIERO ATTREZZATO LEVA (Gruppo Jôf di Montasio – Alpi Giulie)

RITROVO 1:
Pontebba, Piazza Dante
PARTENZA Ore 07.00
RITROVO 2:
Altipiano del Montasio (parcheggio) PARTENZA Ore 07.45
MEZZO DI TRASPORTO: Mezzi propri
PRENOTAZIONE: Non obbligatoria
DIFFICOLTÀ: EEA
QUOTA PARTENZA: 1502 m
QUOTA MASSIMA: 2300 m

DISLIVELLI E TEMPI INDICATIVI: 
Salita: 800 m / Ore 3.30
Discesa: 800 m / Ore 1.30
TOTALE: Ore 5.00
ABBIGLIAMENTO: Da media montagna
ATTREZZATURA: Casco, imbrago e kit da ferrata

RIFERIMENTO CARTOGRAFICO: Tabacco – Foglio 019

COORDINATORE: Attilio Cecon (0428 90350)

DESCRIZIONE SOMMARIA DEL PERCORSO: Dal parcheggio presso le malghe dell’altipiano si sale al rifugio G. Di Brazzà (1660 m) e si prosegue per la Cima di Terrarossa
(2420 m); poco sotto la cima si imbocca a sinistra il sentiero attrezzato Leva. Fra cenge e roccette, in uno scenario alpino affascinante, si giunge alla base delle pendici del
Jôf di Montasio dove, intersecando il sentiero della via normale, si rientra al rifugio Di Brazzà e al vicino parcheggio.

Mercoledì 23 agosto 2017 – MONTE SCHENONE 1950 m (Alpi Giulie)

C.A.I. sez. di Tarvisio

Mercoledì 23 agosto 2017 – MONTE SCHENONE 1950 m (Alpi Giulie)

RITROVO: Bagni di Lusnizza, trattoria all’Orso
PARTENZA: Ore 07.30 Dalla locanda all’Orso (Bagni di Lusnizza) si
MEZZO DI TRASPORTO: Mezzi propri
PRENOTAZIONE: Obbligatoria entro le 18.00 di lunedì 21.8.2017 via mail a sezione@caitarvisio.it

DIFFICOLTÀ: EE
QUOTA PARTENZA: 700 m
QUOTA MASSIMA: 1950 m

DISLIVELLI E TEMPI INDICATIVI:
Salita: 1250 m circa / Ore 4.00
Discesa: 1200 m circa / Ore 3.30
TOTALE: Ore 7.30
ABBIGLIAMENTO: Da media montagna

ATTREZZATURA: Da escursionismo
RIFERIMENTO CARTOGRAFICO: Tabacco – Foglio 019
COORDINATORI: Del Negro Marino e Cecilia (366 6686987)

DESCRIZIONE SOMMARIA DEL PERCORSO: Dalla locanda all’Orso (Bagni di Lusnizza) si prosegue fino al parcheggio del museo naturalistico “La foresta”. Da qui si imbocca il sentiero CAI 603 che sale ripido su un versante boscoso fino a quota 1150 m. Con un lungo tratto si attraverseranno due ghiaioni e alcuni canaloni con pittoresche cascatelle. Il percorso ritornerà sulla strada forestale fino a Sella Bieliga (1479 m) da cui si potrà ammirare il gruppo del monte Cimone. Ora, attraverso prati, ci si dirige verso il sentiero che proviene dalla val Dogna. Da questo punto si scorgerà la cima del M. Schenone e si potrà godere una delle più belle immagini delle Alpi Giulie. Appena sotto la cresta una cengia un po’ esposta conduce alla croce della panoramica vetta. Il rientro avverrà sullo stesso itinerario della salita.

 

Lunedì 21 agosto 2017 – PICCO DI MEZZODÌ 2063 m (Gruppo del Mangart – Alpi Giulie)

C.A.I. sez. di Tarvisio

Lunedì 21 agosto 2017 – PICCO DI MEZZODÌ 2063 m (Gruppo del Mangart – Alpi Giulie)

RITROVO 1: 
Carnia di Venzone, Hotel Carnia,
PARTENZA: Ore 07.45

RITROVO 2
Lago Superiore di Fusine (parcheggio) PARTENZA Ore 08.30
MEZZO DI TRASPORTO: Mezzi propri
PRENOTAZIONE: Obbligatoria entro le 18,00 di sabato 19.8.2017 via mail a sezione@caitarvisio.it

DIFFICOLTÀ: EE
QUOTA PARTENZA: 941 m
QUOTA MASSIMA: 2063 m

DISLIVELLI E TEMPI INDICATIVI
Salita: 1100 m / Ore 3.15
Discesa: 1100 m / Ore 2.45
TOTALE: Ore 6.00
ABBIGLIAMENTO: Da media montagna

ATTREZZATURA: Da escursionismo
RIFERIMENTO CARTOGRAFICO: Tabacco – Foglio 019

COORDINATRICE: Loredana Bergagna (340 0537457)

DESCRIZIONE SOMMARIA DEL PERCORSO: Si tratta di una cima poco frequentata ma di grande interesse sia per l’ambiente ancora abbastanza selvaggio che per il panorama dalla cima a 360°, in particolare non si può non meravigliarsi dalla particolare conformazione del vicinissimo Il percorso presenta un’unica difficoltà nella parte finale consistente nella risalita di un canalino/paretina inclinata di I grado. Dal parcheggio si imbocca il sentiero CAI 514-515 che si inoltra nel bosco; arrivati alla Sella di Colrotondo si continua a sinistra sul sentiero CAI 515 fino al monte Collarice e uscendo dal bosco si risale un ghiaione arri- vando alla base del canalino roccioso che si supera agevolati dai pini mughi sui margini. Ora in breve si arriva sulla cima (croce di vetta sbilenca). La discesa avverrà sullo stesso itinerario della salita.