Domenica 14 ottobre 2018: ANELLO MONTE TIARFIN Forca Rossa (2.208m) Forc. Della Croce di Tragonia o Risumiela (1.973m)

S.A.F. Società Alpina Friulana             Domenica 14 ottobre 2018: ANELLO MONTE TIARFIN Forca Rossa (2.208m) Forc. Della Croce di Tragonia o Risumiela (1.973m)

ISCRIZIONI: Entro giovedì 11 ottobre 2018 presso la Sede SAF-CAI oppure on-line www.alpinafriulana.it/attivita/escursioni
PRESENTAZIONE ESCURSIONE: Giovedì 11 ottobre 2018 ore 21 presso la Sede Società Alpina Friulana Richiesta presenza OBBLIGATORIA per i “nuovi” iscritti 
DIFFICOLTA’: E (Escursionistica)
CARTA TABACCO 02
DISLIVELLO: ↑1000 m ↓1000 m
DURATA ESCURSIONE: 6 ore (più le soste)
TRASPORTO: Mezzi propri
PARTENZA: ore 06.15 da Udine, Nuovo Terminal Bus Via della Faula, angolo Via Cadore.
RIENTRO: ore 18.00 circa
QUOTA DI PARTECIPAZIONE: SOCI: escursione gratuita
NON SOCI: assicurazione obbligatoria (€ 8,50 oppure € 14,00 in base ai
massimali scelti). Contributo spese di viaggio a chi mette a disposizione l’autovettura.
DIRETTORI DI ESCURSIONE: ONC Furlani Ermes e ONC Antonio Nonino della Comm. Escursionismo tel. +39 366 1858439 attivo dal sabato
precedente l’escursione.

Descrizione sommario del percorso:                                                                       Il massiccio del Monte Tiarfin è situato nelle Alpi Carniche, al confine con il
Cadore tra Forni di Sopra e Sella Ciampigotto ed è composto tre cime; la
cima principale è quella di mezzo (2413 m) poi la cima est (2399 m) e la
cima ovest (2319 m). Incastrata far il Monte Tudaio ed il Monte Tiarfin, si
trova “La Busa del Tiarfin”; è una conca situata a nord dell’omonimo monte,
formata da splendide praterie alpine, intervallate da pietraie mughi e larici
dove non è raro incontrare esemplari della locale fauna come camosci,
caprioli, pernice bianca ed in giornate di bel tempo l’aquila reale.
Malga Tartoi (1711 m) e Malga Tragonia ( 1749 m) sono di proprietà del
comune di Forni di Sopra, un tempo indispensabili per il pascolo estivo delle mucche mentre nel fondovalle si falciava il fieno per stoccarlo negli stavoli ed averlo a disposizione durante l’inverno; entrambe presentano all’interno un’ampia latteria ormai in disuso, a dimostrazione di come un tempo fossero monticati molti bovini da latte. Oggetto di recente ristrutturazione le due malghe vengono oggi adibite a ristoro/agriturismo, e sui loro pascoli si incontrano solo manze e vitelli. 

ITINERARIO:
Partendo da Casera Razzo (1739 m), si aggira il Col Marende percorrendo il sentiero CAI 208, per poi risalire il ripido ghiaione e arrivare alla Forca Rossa (2208 m) ai piedi del Monte Tiarfin. Dalla Forca Rossa, percorrendo sempre il segnavia CAI 208, si scende lungo la conca chiamata “Busa del Tiarfin” situata a Nord dell’omonimo monte. Le praterie della conca, le pietraie e i mughi accompagnano il sentiero fino al limite del bosco nei pressi di Casera Tartoi (1711 m). Partendo da Casera Tartoi si prosegue lungo il sentiero CAI 208 – 211, per imboccare poi a sinistra la variante del sentiero CAI 211 fino a raggiungere la Casera Tragonia. Da Casera Tragonia, si prosegue in direzione nord percorrendo il sentiero CAI 209 e risalendo la Forcella di Tragonia o Risumiela (1793 m) fino a raggiungere l’incrocio con il sentiero CAI 210. Giunti all’incrocio dei sentieri nei pressi di Casera Mediana, si svolta a sinistra percorrendo la mulattiera/sentiero CAI 209-210 che riporta a Casera Razzo.

Società Alpina Friulana
Via Brigata Re 29 – Udine
Segreteria – tel. +39 0432 504290
Orario: da mercoledì a venerdì 17.30-19.00
giovedì anche 21.00-22.30
Posta: escursionismo@alpinafriulana.it
Sito internet: www.alpinafriulana.it

Sabato 15 settembre 2018 – MONTE CHIARESCONS 2168 m

C.A.I. Sezione di Forni di Sopra – Sabato 15 settembre 2018 – MONTE CHIARESCONS 2168 m

RITROVO: Forni di Sotto, piazza Tredolo partenza Ore 07.30
Mezzo di trasporto: Mezzi propri
Difficoltà: EE
QUOTA PARTENZA: 690 m
QUOTA MASSIMA: 2168 m
DISLIVELLI E TEMPI INDICATIVI: 
▲ 1480 m / Ore 4.30
▼ 1480 m / Ore 3.30
● TOTALE Ore 8.00
ABBIGLIAMENTO: Da media montagna
Attrezzatura: Da escursionismo
Riferimento cartografico: Tabacco – Foglio 02
Coordinatore: Chinese Emo cell. 388 1676040 e-mail: cai@caiforni.it

Descrizione sommaria del percorso: 
Dalla piazza della frazione di Tredolo si scende in auto verso il fiume Tagliamento (parcheggio). Si prosegue lungamente su una strada sterrata nella valle del torrente Poschiadea fino a raggiungere la località
Covardins (950 m); ora si prosegue sul sentiero CAI 364 e poi, in prossimità di quello che sale lungo la valle del torrente Chiarescons, si risalirà il ripido versante fino a raggiungere la nostra panoramica cima (2168 m). Il rientro avverrà sullo stesso percorso della salita. La lunghezza e il dislivello del percorso impongono ai partecipanti buone condizioni fisiche e di allenamento.

Per partecipare all’escursione è necessario comunicare il proprio nominativo via e-mail alla Sezione CAI organizzatrice oppure al
Coordinatore dell’escursione: 

  • per i soci CAI almeno due giorni prima
  • per i non soci CAI almeno cinque giorni prima, con le generalità ed il versamento di euro 10,00 per l’attivazione dell’assicurazione.

Domenica 16 settembre 2018 – RIFUGIO DE GASPERI E SENTIERO CORBELLINI (Dolomiti Pesarine)

C.A.I. Sezione di Tolmezzo – RIFUGIO DE GASPERI E SENTIERO CORBELLINI (Dolomiti Pesarine)

RITROVO 1: Tolmezzo, sede CAI (parcheggio piscina) PARTENZA Ore 07.30
RITROVO 2: Località Pian di Casa (parcheggio) PARTENZA Ore 08.30
MEZZO DI TRASPORTO: Mezzi propri
PERCORSO A
DIFFICOLTÀ: E
QUOTA PARTENZA: 1236 m
QUOTA MASSIMA: 1960 m
DISLIVELLI E TEMPI INDICATIVI: salita 724 m / Ore 3.30; discesa 530 m / Ore 1.15; TOTALE Ore 4.45
PERCORSO B
DIFFICOLTÀ: EEA
QUOTA PARTENZA: 970 m
QUOTA MASSIMA: 1767 m
DISLIVELLI E TEMPI INDICATIVI: salita 900 m / Ore 4.30; discesa 530 m / Ore 1.15; TOTALE Ore 5.45
Dal rifugio De Gasperi a Pian di Casa il percorso sarà lo stesso per entrambi
i gruppi
ABBIGLIAMENTO: Da media montagna
ATTREZZATURA: Da escursionismo; per il percorso B: casco, imbrago e kit da ferrata
RIFERIMENTO CARTOGRAFICO: Tabacco – Foglio 01
COORDINATORI: Alessandro Benzoni e Federico Addari (telefono sede CAI
Tolmezzo 0433 466446) e-mail: info@caitolmezzo.it

DESCRIZIONE SOMMARIA DEL PERCORSO: 
Escursione sezionale al Rifugio De Gasperi del CAI di Tolmezzo. Due i percorsi per raggiungere la meta in località Clap Grande. 
PERCORSO A (PER CASERA MIMOIAS) Da località Pian di Casa (1380 m) si imbocca il sentiero CAI 201 fino alla località Lavadin (20′) dove inizia a sinistra il sentiero CAI 202. Si sale nel bosco, si attraversa un rio e prosegue sino ad arrivare alla radura che porta alla Casera Mimoias (bivio sentiero CAI 203 – 1623 m). Da qui perdendo quota, lungo una pista forestale, che dopo circa 200 m si lascia per riprendere il sentiero a destra, si attraversa il Rio Mimoias e si sale lungo radure tra i larici fino al bivio sentiero CAI 202a (1713 m). Da qui a destra fino al passo Elbel, per poi prendere il sentiero CAI 315 e scendere a Clap Piccolo, dove si riprende il sentiero principale CAI 201
per proseguire verso il rifugio De Gasperi.
IN ALTERNATIVA PERCORSO B (SENTIERO CORBELLINI) 
Recentemente sistemato dal CAI di Tolmezzo, è da considerarsi una via ferrata. L’escursione richiede quindi l’attrezzatura adatta (imbrago e set ferrata) e viene fatta in collaborazione con la Scuola di alpinismo e scialpinismo “Cirillo Floreanini”, la quale si riserva di fissare un numero
limitato di partecipanti in base al numero degli istruttori disponibili. Partenza da località Culzei, per pista forestale e sentiero CAI 231 fino al Passo Siera. Da qui in direzione Ovest inizia il sentiero Corbellini. Per ponti e tratti attrezzati si giunge prima alle “Gole Nere” per per poi attraversare le aree prative di Culzei e Cuestamus e arrivare nel canalone di Rio Bianco. Sempre per tratti attrezzati si arriva al rifugio De Gasperi. L’escursione sul percorso B verrà effettuata per un numero massimo di partecipanti  stabilito dai coordinatori a loro insindacabile giudizio.

Per partecipare all’escursione è necessario comunicare il proprio nominativo via e-mail alla Sezione CAI organizzatrice oppure ai Coordinatori dell’escursione almeno cinque giorni prima e per i non soci CAI contestualmente al versamento di euro 10,00 per l’attivazione dell’assicurazione.