Domenica 26 marzo 2017 – LA VALLE DI MONTICELLO – Traversata da Grauzaria – Morolz – Moggessa – Moggio

SAF Escursionismo – C.A.I. Sezione di Udine
Domenica 26 marzo 2017 – LA VALLE DI MONTICELLO – Traversata da Grauzaria – Morolz – Moggessa – Moggio
ISCRIZIONI: Entro il 24/03/2017 presso la Sede
PRESENTAZIONE GITA: Giovedì 23 marzo 2017 ore 21.00
QUOTA di PARTECIPAZIONE: Spese di viaggio, da concordare con chi del gruppo mette a disposizione l’auto. I non soci devono attivare l’assicurazione obbligatoria (€. 8,00 o €. 14,00 a scelta dei massimali).
DIFFICOLTA’: E (Escursionistica)
DISLIVELLO: Salita m 510 – Discesa m 700
LUNGHEZZA: km 11
DURATA ESCURSIONE:ore 4.00 (più soste)
TRASPORTO: mezzi propri
PARTENZA: ore 7.30 da Udine – NUOVO TERMINAL BUS in Via della Faula – angolo Via Cadore fronte McDonald’s – ore 8.00 da Gemona del Friuli c/o Bar “Al Fungo”
RIENTRO: ore 15.30 circa

DATI E CONSIGLI UTILI PER L’ESCURSIONE:
EQUIPAGGIAMENTO: Abbigliamento normale da media montagna: scarpe da trekking o scarponi, bastoncini, giacca vento, cuffia, guanti, pantaloni lunghi e camicia/maglia con le maniche lunghe.
NOTE: Escursione facile priva di difficoltà tecniche, di livello escursionistico. Nella zona è notoriamente presente la zecca: si consiglia di adottare alcune precauzioni prima dell’escursione (pantaloni e maglietta con le maniche lunghe, di spruzzare sugli abiti un repellente a base di piretro) e di controllarsi adeguatamente al rientro. Attenzione: nella notte tra sabato e domenica torna l’ora legale (si spostano avanti di un’ora le lancette dell’orologio).
CAPOGITA: Marco Cabbai e Ermes Furlani della Commissione Escursionismo Tel. +39 366 1858439

DESCRIZIONE DELL’ ESCURSIONE: Dal parcheggio si prosegue brevemente in salita per poi attraversare il Rio della Forchia. Saliamo sulla strada asfaltata per alcuni tornanti, imboccando dopo circa 15 minuti il sentiero CAI 418 che si segue per circa 40 minuti giungendo a Badiuz (m 840 – prima frazione di Monticello). Si prosegue sempre seguendo il segnavia 418 e dopo aver attraversato il Borgo di Mezzo e Morolz si inizia il tratto di itinerario in discesa verso la frazione di Moggessa di Là (m 510) che si raggiunge grazie ad una agevole stradina. Si prosegue, ora, percorrendo sempre il sentiero 418 che discende in breve fino al ponticello sul Rio Mulin e risale sul versante opposto all’abitato di Moggessa di Qua (m 510). Da qui inizia il tratto in salita che porta alla forca di Moggessa (m 665) da cui, divallando, in breve si raggiunge Borgo Costa di Moggio Udinese dove abbiamo parcheggiato le prime auto all’andata.
Il territorio nei dintorni di Moggio Udinese, per la sua posizione e variegata conformazione, sembra faccia da ponte tra le Alpi Giulie e Alpi Carniche, e fra le Alpi e le Prealpi, un settore di transizione fra i diversi distretti alpini e ciò lo pone in una particolare condizione di preziosità e compendio di varie caratteristiche ambientali. Le tracce dell’uomo, cioè l’impatto antropico, seppur costantemente presente, nel complesso non è rilevante e si possono ancora apprezzare paesaggi con caratteristiche naturali di particolare bellezza.
Valle di Monticello

Domenica 02 aprile 2017 – C.A.I. Sezione di Tolmezzo – VIE ATTREZZATE ROSE D’INVERNO – MONTE GRISA

Domenica 02 aprile 2017
C.A.I. Sezione di Tolmezzo
VIE ATTREZZATE ROSE D’INVERNO – MONTE GRISA
PRENOTAZIONE: Obbligatoria, in sede CAI Tolmezzo, entro venerdì 17 marzo, con versamento della caparra di 15 euro e con il proprio recapito telefonico. tel/fax: +39 0433 466446 MARTEDI’ e VENERDI’ dalle 17:30 alle 19:00
RITROVO 1: Tolmezzo, Sede CAI (parcheggio piscina). PARTENZA Ore 07.00
RITROVO 2: Parcheggio località San Lorenzo. PARTENZA Ore 09.00
MEZZO DI TRASPORTO: Pullman se si raggiungono almeno 20 prenotazioni altrimenti mezzi propri
DIFFICOLTÀ: T – EEA
QUOTA PARTENZA: 220 m; QUOTA MASSIMA: 330 m
DISLIVELLI E TEMPI INDICATIVI: salita: 110 m / Ore 1.50; discesa:110 m / Ore 1.50; TOTALE Ore 3.40
ABBIGLIAMENTO: Da bassa montagna
ATTREZZATURA: Casco e kit da ferrata omologato
RIFERIMENTO CARTOGRAFICO: Tabacco – Foglio 047
COORDINATORI: Mazzolini Lino (328 4650114); Grosso Mirella (347 0917486); Spangaro Davide (338 4298357)

DESCRIZIONE SOMMARIA DEL PERCORSO
Durante la mattinata si percorreranno le varie vie ferrate delle “Rose d’inverno” che si trovano a poca distanza dal parcheggio di
S. Lorenzo. Nel pomeriggio trasferimento a Opicina (località Obelisco), dove ha inizio la camminata lungo la via Napoleonica, giungendo fino
a Prosecco. Percorso molto gratificante per il panorama che si gode su tutto il golfo di Trieste. Il rientro da Prosecco avverrà passando per
la Vedetta Italia e per il Santuario del M.Grisa; da qui per sentiero nei boschi si ritorna al punto di partenza

http://escursionismo.caitolmezzo.it/2017/03/

Venerdì 10 marzo 2017 alle ore 18.30 – Lezioni di cultura alpina – 5^ edizione La fauna del Friuli Venezia Giulia

Venerdì 10 marzo 2017 alle ore 18.30, nella sala eventi della Società Alpina Friulana ad Udine in via Brigata Re 29

Lezioni di cultura alpina – 5^ edizione – La fauna del Friuli Venezia Giulia

la Società Alpina Friulana con il patrocinio e la collaborazione della Regione Friuli Venezia Giulia, del Parco Naturale Dolomiti Friulane, del Parco Naturale delle Prealpi Giulie, del Comune di Udine e del Comitato Scientifico del Club Alpino Italiano, organizza una serata dedicata allo straordinario patrimonio di biodiversità del Friuli Venezia Giulia, da conoscere, tutelare e vivere.
Il Friuli Venezia Giulia è la regione che nell’arco alpino ha la maggiore biodiversità, un patrimonio unico e tutelato da un’ampia rete di aree naturali protette, ma soprattutto un patrimonio che dobbiamo imparare a conoscere per saperlo tutelare maggiormente. Questo corso si prefigge di approfondire la conoscenza della fauna regionale (soprattutto quella dell’ambiente alpino) imparando a riconoscere le specie principali e le relative caratteristiche ed abitudini.
Il corso è aperto a tutti: studiosi, esperti e insegnanti potranno confrontarsi con altri colleghi, gli studenti avranno la possibilità di ampliare il proprio bagaglio di conoscenze e trovare stimolo per ulteriori studi, approfondimenti e ricerche, i semplici appassionati troveranno modo di soddisfare le proprie curiosità. I partecipanti riceveranno un attestato, che gli studenti potranno utilizzare anche ai fini dell’ottenimento del credito scolastico.
La conferenza di venerdì 10 marzo sarà tenuta dal Dott. Giuseppe Muscio (Direttore del Museo Friulano di Storia Naturale), dal Dott. Graziano Danelin (Direttore del Parco Naturale delle Dolomiti Friulane) e dal dott. Stefano Santi (Direttore del Parco Naturale delle Prealpi Giulie), che ci introdurranno nell’argomento del corso e ci parleranno della straordinaria biodiversità regionale e delle aree naturali protette, un patrimonio da conoscere, tutelare e vivere.
La conferenza è aperta a tutti, l’ingresso libero (posti limitati). Al termine della conferenza, chi lo desiderasse, potrà formalizzare l’iscrizione al corso di formazione che inizierà il successivo 24 marzo.

pieghevolefauna_web