02 – Seconda tappa dal Rifugio Obstansersee Hutte al Rifugio Porze Hutte

Traversata Carnica – Karnischer Hohenweg


Dal Rifugio Obstansersee Hutte 2.304m

Al Rifugio Porze Hutte 1.942m

Difficoltà:EE
Periodo consigliato:Estate – Autunno
Lunghezza del percorso:11,2 Km
Dislivello in salita:629 m
Dislivello in discesa:998 m
Tempo di percorrenza:6:11 ore
Sentieri C.A.I.403 – 144 – 160
Mappa Tabacco10
Punti di appoggioRifugio Obstansersee aperto orientativamente dal 20 giugno a fine settembre con 60 posti letto – Tel.: +43 (0)664/1618723 oppure +43 (0)664/5045745 – E-Mail: info@bodner.tirol
Rifugio Filmoor – Tel.: +43 664 1127153 – E-Mail: filmoorhuette@gmx.at. Aperto da metà Giugno inizio Ottobre, 14 posti letto in camerata (è richiesta prenotazione)
Malga Melin Agriturismo con 20 coperti interni e 80 esterni. L’agriturismo è anche B&B con 20 posti letto disposti su 3 camere. Aperta metà giugno al 20 settembre dalle 12,00 alle 15,00. Cena solo su prenotazione. Tel: 347 4847308 E-mail: malgamelin@libero.it
Bivacco Piva ( qui è possibile passare la notte)
Rifugio Porze ( Si può prenotare online, 60 posti letto, le prenotazioni online possono essere inoltrate al più tardi fino alle ore 18.00 del giorno precedente l’arrivo.) – Tel.: +43/664/3256452 – E-Mail: porzehuette@gmx.at Attenzione, fino a VENERDÌ 17 LUGLIO il Rifugio sarà CHIUSO. Contattare il gestore per eventuali soluzioni alternative o proseguire fino alla Malga Dignas.
Agriturismo Malga Dignas. L’agriturismo dispone di venti posti letto, in camere con bagni in comune. Tel.: 0435-460368 Cel.: 333-9396950 E-Mail:info@dignas.it.
Meteo Alto Adigehttp://meteo.provincia.bz.it/
Info Sestohttps://www.tre-cime.info/it/sesto.html
Web CamVista dal Hotel Gruber sulla Meridiana di Sesto

Avvicinamento

Il Rifugio Obstansersee è servito sul versante austriaco da un servizio di Shuttle-Service e servizio taxi. Per informazioni: Heinz Bodner Tel.: +43 (0)664/1618723 oppure +43 (0)664/5045745. Dal versante italiano il rifugio è raggiungibile dalla Malga Silvella (1827 m) che da Santo Stefano di Cadore si raggiunge attraverso la Val Digon per strada asfaltata e poi sterrata e consigliata ai soli fuoristrada, senza tuttavia divieti di accesso, poi attraverso il sentiero 146, fino al Passo di Silvella (2.329 m), e dopo seguendo il 160 fino alla Sella dei Frugnoni (2.534 m) per poi scendere attraverso comodo sentiero nella vallata che ospita il rifugio.


Descrizione del percorso

Appena partiti dal rifugio Obstansersee Hutte si può scegliere se continuare sul sentiero 403 versante austriaco fino alla forcella del Cavallino (mt. 2453) e continuando fino al rifugio Porze Hutte altrimenti, in alternativa, si può continuare sul sentiero in cresta n° 160 continuando sempre in cresta sulla Pitturina (mt.2409 – Via Ferrata per Escursionisti Esperti e Attrezzati EEA) fino al Passo Cima Vallona dove si lascia il 160 per il sentiero 461 che poi si incrocia con il 403 che ci porterà fino al rifugio Porze hutte (mt. 1942). Attenzione, fino a VENERDÌ 17 LUGLIO il Rifugio sarà CHIUSO. Contattare il gestore per eventuali soluzioni alternative o proseguire fino alla Malga Dignas.

Ecco quanto scrive il gestore: a causa dell’inverno nevoso e delle misure della Corona, l’apertura del Porzehütte è stata purtroppo ritardata per qualche tempo. A causa di questo ritardo, purtroppo non è possibile per noi offrire pasti e pernottamenti. A causa di questa occasione, gli inquilini del Karnisch Höhenweg e della sezione Austria offriranno i seguenti inquilini sotto forma di bus navetta. Il punto d’incontro per il bus navetta per Obertilliach è a Klapfsee (circa 30 minuti sotto la capanna Porze). Gli escursionisti vengono trasportati ogni giorno alle 17:30. IN TEMPO!!! Il punto d’incontro del bus navetta per Klapfsee è la fermata del panificio Obererlacher. Gli escursionisti vengono trasportati ogni giorno alle 7:30 del mattino. IN TEMPO!!! I costi per il bus navetta sono in gran parte a carico della sezione Austria. Gli escursionisti pagano un contributo di € 6,00 per il trasporto andata e ritorno. Bodner Heinz, l’inquilino della capanna Obstanserseehütte, funge da compagnia di navetta. I due hotel elencati di seguito sono stati offerti come pernottamento. Gasthof Unterwöger, dettagli su www.hotel-unterwoeger.at, telefono +43 (0) 4847 5221 Pensione Andreas, dettagli su www.hotel-andreas.at, telefono +43 (0) 4847 5196 Entrambi gli hotel distano circa 1 minuto a piedi dal punto di incontro per il servizio navetta per il lago Klapfsee. Vi preghiamo di prenotare personalmente questi hotel.



Seconda tappa – Tracciato GPS

Caricamento della mappa in corso, attendere...

Seconda tappa – Tracciato GPS alternativo più facile – Livello si difficoltà E

Caricamento della mappa in corso, attendere...


Tracciato GPS sulla cartina TabaccoMap 1:25.000


Suggerimenti e considerazioni sulla seconda tappa della Traversata Carnica 2020

Eccoci pronti ad affrontare le seconda Tappa, quella che offre più scelte sia come difficoltà EE o EEA che come lunghezza del percorso, panoramicità e punti di interesse naturalistico e storico. Noi seguiremo la nostra traccia che con la variante sul sentiero 403 sale sulla sinistra, uscendo dal Rifugio, e poi continua sulla destra e salendo nella vallata di fronte al Rifugio ci porta in cresta sul sentiero 403 per poi farci raggiungere la cima del Monte Vanscuro (2.678 m) con ben 370 m di dislivello già di buon mattino. Il sentiero poi scende e continuando in cresta, passa subito sotto la cima del Monte Cavallatto (2.672m ), continuando poi fin sotto la cima del Monte Cavallino, versante Sud, e dopo aver attraversato bellissimi ghiaioni bianchi raggiunge la Forcella del Cavallino. Per rendere ancora più panoramico il tragitto verso la Forcella del Cavallino uscendo dal Rifugio si potrebbe prendere il sentiero 5a che passando sulla destra del laghetto ci porta dapprima sulla Forcella Pala d’Orti (2.462 m) e poi, sempre seguendo in cresta il sentiero 403, sulla Cima Vanscuro dove ritroveremo la traccia già descritta.

Questo primo tratto è molto panoramico ma anche abbastanza esposto e con la discesa del Monte Vanscuro abbastanza ripida ed impegnativa. Assolutamente da evitare da chi soffre di vertigini. Subito prima di arrivare sotto il Monte Cavallino dobbiamo fare la nostra prima scelta cioè continuare sul 403 verso la Forcella del Cavallino o pendere il sentiero che sale sulla sinistra e che ci porterà in poco più di mezz’ora alla Cima del Monte Cavallino che, secondo me, vale la pena di raggiungere per la sua importanza storica e per la sua panoramicità. Sotto la grande Croce della vetta, denominata Croce Europa è posta una targa con inciso “MAI PIÙ GUERRE”. Qui ogni anno dal 1979 si ritrovano i cittadini del Comelico e di Kartisch, in segno di pace e fratellanza. Poco prima della vetta si potranno anche visitare alcune postazioni belliche. (difficoltà salita EE 1°inf. con qualche breve strappo aiutati da cavo metallico).

Se si vorrà evitare il sentiero panoramico ma esposto uscendo sempre a sinistra dal Rifugio si dovrà continuare sempre dritti sul quella che è la traversata Austriaca la Karnischer Hohenweg sentiero 403 che ci porterà nella vallata sottostante il Monte Cavallino lato Nord per poi risalire ed arrivare poco prima della Forcella del Cavallino (2.453 m) o continuare sulla traccia Austriaca e raggiungere il Rifugio Filmoor (2.350 m).

Dalla Forcella Cavallino, continuando in cresta si prenderà il sentiero 191 che dopo circa 800 m ci porterà all’inizio di una delle più belle ferrate delle Alpi Carniche, la Pitturina (2.457 m). Se ci saremo premurati di portarci dietro imbrago e dissipatore, a questo punto direi che, si potrebbe prendere la via più panoramica della Traversata Carnica, la Cresta della Pitturina, appunto, o Sentiero attrezzato C. D’Ambros 191 che in 02:00 adrenaliniche ore ci porterà fin quasi al Bivacco Piva dove ritroveremo la nostra traccia originale.

Non avendo a disposizione imbrago e dissipatore seguiremo la nostra traccia che a questo punto scende prendendo il sentiero 160 che passa proprio sotto le pareti del versante italiano della cresta . Il sentiero scende all’inizio abbastanza ripidamente per poi diventa più pianeggiante e successivamente prosegue in leggero saliscendi ai margini del Costone di Pian Minoldo ed alla fine sale su roccette fino a riportarci in prossimità del Bivacco Piva in circa 2:00 ore. Su questo tratto bisogna fare molta attenzione perché, in più punti, il sentiero è poco evidente e segnato non troppo bene. Evitare di prendere le numerose tracce che tendono a tagliare il Costone di Pian Minoldo verso destra, ma cercare di stare alti puntando sempre verso il bivacco. Il Bivacco Armando Piva (2.250 m) con 12 posti letto e acqua potabile a circa 50 m risulta essere anche un buon punto per passare la notte sia in caso di necessità (temporale) sia per evitare di andare a dormire al Rifugio Porze. Dal bivacco si proseguirà sul sentiero 160 e salendo per 100 m di dislivello si raggiungerà il Passo di Cima Vallona ( 2.362 m) dove scendendo per un altro chilometro fino a circa 2.000 m di quota, sotto il versante Nord del Monte Palombino o Porze in tedesco, incroceremo il sentiero 403 che risale dalla vallata sottostante e che ci porterà dopo un altro chilometro di cammino al Rifugio Porze, la nostra meta, dove passeremo la notte dopo una rinfrescante doccia. Qui si può anche prenotare online ed è dotato di 60 posti letto. Servito da una strada sterrata che lo raggiunge dal versante Austriaco, in caso di necessità, permette di raggiungere nella vallata sottostante la cittadina di Obertilliach.

Per evitare questi due tratti impegnativi EEA e EE, per brevi tratti esposti, giunti alla Forcella del Cavallino (2.4053 m) si dovrà scendere alla nostra sinistra sul versante Austriaco a riprendere il sentiero 403 che ci porterà dapprima al Rifugio Filmoor (2.350 m), dove in caso di necessità o di una eventuale modifica del percorso è possibile anche pernottare ma solo su prenotazione e poi ci farà scendere nella vallata sottostante andando ad accostare il laghetto Oberer Stuckensee, nel centro della vallata, e poi risalire fin sotto il versante Nord del Monte Heretriegel (2170) dove girando verso destra e continuando sulla Karnischer Hohenweg sentiero 403 per circa 02 km ci ritroveremo sotto la cima del Monte Palombino (Porze 2600 m) ricongiungendoci così con la nostra traccia originale. Da qui seguendo il 403 per un altro chilometro saremo finalmente giunti alla nostra meta il Rifugio Porze dove si può prenotare online e dotato di 60 posti letto. Ecco la traccia GPX:

Dopo questa lunga relazione mi rimane solo da spiegare quelli che sono i sentieri da prendere nel caso si volesse concludere la prima parte della traversata subito dopo aver fatto la Cima del Monte Cavallino o dopo aver percorso la nostra traccia o la Pitturina fino al Bivacco Piva.

Nel primo caso giunti alla Forcella del Cavallino si prenderà il sentiero 145 che scende, sul versante Italiano, fino alla Casera Pian Formaggio che raggiungeremo in un’ora circa. Da qui scenderemo sulla strada bianca che serve la casera fino alla località Tabeli o Muntaneli dove avevamo lasciato la macchina (1.588 m, sette chilometri da Sega Digon).

Se invece si concluderà la prima parte della traversata dopo aver raggiunto il Bivacco Piva si scenderà dal versante Italiano sul sentiero 144, che subito sotto il bivacco si trasformerà in strada bianca, fino alla Malga Melin (1.689 m, link alla scheda) che raggiungeremo in circa 01:30 ore, qui ritroveremo la nostra macchina che avevamo lasciato il primo giorno salendo dalla frazione di Sega Digon prima di proseguire per Sesto.


Scarica la scheda in PDF


< Elenco tappe