04 – Quarta tappa dal Rifugio Hochweißstein–haus al Rifugio Giovanni e Olinto Marinelli

Traversata Carnica – Karnischer Hohenweg


Dal Rifugio Hochweißsteinhaus 1868m

Al Rifugio Giovanni e Olinto Marinelli 2.111m


Difficoltà:EEA
Periodo consigliato:Estate – Autunno
Lunghezza del percorso:18,3 Km
Dislivello in salita:1207 m
Dislivello in discesa:933 m
Tempo di percorrenza:9:00 ore
Sentieri C.A.I.403 – 144 – 145 sentiero Spinotti
Mappa Tabacco09
Punti di appoggioRifugio Hochweißsteinhaus Aperto da metà giugno a inizio ottobre. 55 Posti letto, cucina aperta tutto il giorno. Rete cellulare disponibile a circa 10 min dal rifugio. Telefono a gettoni in rifugio, docce.
Pernottamento cani nel deposito scarpe/attrezzature o nella legnaia.
Tel.: +43 6767462886 E-mail: hwh@aon.at
Rifugio Lambertenghi Romanin
Aperto da metà giugno a fine settembre. Posti letto complessivi: 94 bagni: 2, cucina aperta tutto il giorno. Tel. 0433 786074 E-mail: info.lambertenghi@gmail.com
Rifugio WolayerWolayersee hütte
Aperto 5 giugno 2020 – 03 ottobre 2020. Posti letto complessivi: 64. Dotato di docce e acqua calda. Cucina aperta tutto il giorno. Possibilità di prenotare online.
Tel. +43 0720 346141 (solo in estate) E-mail: info@bergerlebnis-lesachtal.at.
Rifugio F.lli Marinelli
Aperto da metà giugno a ottobre. Posti letto complessivi: 50, 6 bagni e 1 doccia, cucina aperta tutto il giorno. Tel. 0433.779177 Cel. per prenotazioni +39 339.5356363 E-mail: cate_selva@libero.it.
Rifugio Tolazzi 
Aperto da giugno a ottobre con la cucina aperta tutto il giorno. Tel. 338.9093816
E-mail: rifugiotolazzi1500@gmail.com
Gasthof Valentinalm  – Valentinalm.at
Possibilità di pernottamento: camera doppia, camerata.
Possibilità di prenotare online.
Cellulare: +43 664.8419950 Tel.: +43 4715.92215
E-Mail: info@valentinalm.at

Avvicinamento


Il Rifugio Hochweissstein è raggiungibile solo a piedi.

Dal versante Austriaco si può salire in macchina (sentiero 448) fino ad un parcheggio posto a circa 1.5 km sotto il rifugio per poi proseguire a piedi.

Da Pierabc (dove si trova lo stabilimento della Goccia di Carnia, Forni Avoltri) seguendo il sentiero 140 e poi il 403 fino alla forcella del Giogo Veranis (2.011 m) e da qui si scenderà sul versante austriaco fino al Rifugio.

Oppure, ed è anche la via più corta, si potrà lasciare la macchina nel parcheggio prima delle Sorgenti del Piave cioè qui: , dove sale la strada bianca che ci porterà al Rifugio Calvi, da qui raggiungeremo al Passo Sessis (2.367 m) e poi seguiremo il sentiero 140 che abbandoneremo subito dopo per seguire il sentiero che troveremo sulla nostra sinistra e che ci condurrà al Passo dei Sappadini (2.128 m) ora scendendo da qui, sul versante austriaco, raggiungeremo il Rifugio Hochweissstein.


Descrizione del percorso


Usciti dal Rifugio Hochweissstein (1.868 m) prendiamo il 403, il sentiero della la nostra Traversata Carnica, che risalendo di 150 m di dislivello, ci porterà alla forcella Giogo Veranis (2.011 m). Da qui incomincerà la nostra discesa lungo la valle Fleons che dopo circa due chilometri ci farà giungere alla Casera Flenos di Sotto (1.580 m ) dopo essere prima passati al di sopra dei ruderi della Casera Fleons di Sopra (1.900 m). Ora continuando a scendere lungo questa bellissima vallata ed in mezzo a lussureggianti boschi di larice passeremo prima dalla Casera Sissanis di Sotto (1.540 m) e poi da quella di Sopra (1.682 m). Ora risaliremo fino alla Sella Sissanis (1.987 m) e passando, poco dopo, accanto al lago Pera (1.960 m) andremo a raggiungere il Passo Giramondo a 2.005 m di altezza dopo aver seguito il sentiero fin sotto la Creta di Bordaglia e dopo 02:30 ore di cammino circa. Giunti a questo punto valicheremo in territorio Austriaco e incominceremo a scendere lungo un ripido sentiero nella vallata sottostante fino a raggiungere i verdi pascoli della Obere Wolayer Alm (1.700 m) e da qui risaliremo fino al Lago Volaia (1.950m), tutto questo dopo circa 6 ore di cammino se saremo rimasti nei tempi giusti. Se invece saremo giunti fin qui in più di 6 ore si dovrà valutare se concludere qui la quarta tappa passando la notte al Rifugio Lambertenghi Romanin (1.955 m) o al rifugio Austriaco sul Lago Volaia il Wolayerseehütte (1.960 m), allungando però la Traversata di un giorno. Avendo invece rispettato i tempi prefissati, abbandoneremo il sentiero 403, all’inizio del lago, per prendere il sentiero 144 (Sentiero dei Cramars) che dapprima ci farà ritornare in territorio Italiano e subito dopo ci farà passare di fronte al Rifugio Lambertenghi Romanin. Dopo poche centinaia di metri dal rifugio giungeremo al pianoro che precede l’ex caserma della finanza, qui andremo a seguire, sulla sinistra, il Sentiero Attrezzato Spinotti (EEA) 145 che ci condurrà in 02:30 ore circa al Rifugio Marinelli, la nostra meta. Il Sentiero Attrezzato Spinotti è abbastanza impegnativo ed esposto per questo, per lunghi tratti, è stato reso sicuro con fittoni e cavi metallici per agevolare il passaggio agli escursionisti. Caratteristico è il suo attacco dove è presente un breve camino che si andrà a superare su di una scaletta in legno di una quindicina di metri, qui: il link alla dettagliata descrizione del percorso realizzata da Alex, uno dei gestori del Rifugio Lambertenghi.

Nel caso si decidesse di fermarsi sul Lago Volaia, come suggerito, ed affrontare lo Spinotti il giorno successivo, visto che in sole 2:30 ore si giungerebbe alla destinazione, una buon idea potrebbe essere quella di fare una puntatina sul Monte Coglians (2.780 m), meta irrinunciabile, magari salendo dalla Ferrata Nord sentiero 437 per poi scendere dal sentiero 143 al Rifugio Marinelli oppure salire e scendere dalla via normale, sentiero 143, che si andrà a prendere subito dopo aver fatto lo Spinotti. Così andremo ad allungare il cammino di circa 4 ore per un totale di 6:40 ore, qui: il link alla scheda completa per la via normale, con tempi e dislivelli.

Per chi non se la sentirà di affrontare lo Spinotti ci saranno due alternative possibili.

La prima, allungando la traversata di un giorno, è quella di scendere dal Rifugio Lambertenghi (1.955 m), dopo averci trascorso la notte, lungo il Sentiero dei Cramars 144 fino al Rifugio Tolazzi (1.350 m ) per poi risalire al Rifugio Marinelli (2.111 m) seguendo il sentiero 143 dove si passerà la notte prima di affrontare la tappa successiva, dal Marinelli alla Malga Pramosio.

La seconda è quella di continuare dal Lago Volaia sul sentiero 403 percorrendo la Karnischer Hohenweg ed arrivare così alla Gasthof Valentinalm (1.220 m; D- 920m) dopo 2:30 ore di cammino, fatti però tutti in discesa. Qui è possibile fermarsi a dormire per poi proseguire su mulattiera, il giorno successivo, fino a raggiungendo il Passo di Monte Croce Carnico per riprendere, da qui, la traccia originale e giungere in Malga Pramosio in circa 08:00 ore. Un’altra possibilità è salire direttamente sul Pal Piccolo, dopo aver raggiunto la Ploken Haus, seguendo il sentiero 434 Museumsweg, passando per il Museo Storico all’aperto dedicato alla Guerra del 15/18, e raggiungere poi il sentiero del Museo Storico Italiano, il 401, che è anche il sentiero della nostra Traversata Carnica che ci condurrà in Malga Pramosio appunto (07:30 ore).



Quarta tappa – Tracciato GPS

Caricamento della mappa in corso, attendere...

Tracciato GPS sulla cartina TabaccoMap 1:25.000


Profilo altimetrico


Suggerimenti e considerazioni sulla quarta tappa della Traversata Carnica 2020

La quarta tappa sarà una delle più impegnative non tanto per il dislivello che comunque sarà di 1200 m D+, 900 m D- ma per la lunghezza 18,3 Km e per dover affrontare il Sentiero attrezzato Spinotti (EEA) a fine giornata.

Questa è una tappa che è ricca di punti di interesse storico, specie nei pressi del lago Volaia che, oltre ad essere una perla di bellezza in mezzo alle Alpi Carniche, donerà a chi avrà il piacere di sostare sulle sue sponde una piacevole sensazione di pace e serenità. Per questi motivi meriterebbe fermarsi qui tutto il pomeriggio e parte della mattinata seguente per poi riprendere il cammino, anche se si dovrà allungare la traversata di un giorno.


Scarica la scheda in PDF


< Elenco tappe